Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica Altre News Applicazioni e potenzialità della Intelligenza artificiale (IA)
Applicazioni e potenzialità della Intelligenza artificiale (IA) Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Altre News

IAL'intelligenza artificiale (IA) è la capacità di un sistema informatico di svolgere funzioni e ragionamenti tipici della mente umana in modo autonomo. Le principali categorie applicative di IA sono:

  • natural language
  • virtual assistants
  • advanced machine learning, per previsioni o progettazione
  • computer vision, per realtà aumentata
  • robotic process automation.

L'IA si può differenziare in 

  • Intelligenza Artificiale debole (weak AI) - ovvero sistemi tecnologici in grado di simulare funzionalità dell’uomo;
  • Intelligenza Artificiale forte (strong AI) - dove il sistema sviluppa una propria intelligenza senza emulare processi di pensiero dell’uomo, ma sviluppando capacità cognitive proprie.

Il modello di apprendimento dell'IA può essere:

  • con supervisione didattica - mediante esempi di input e di output;
  • senza supervisione didattica - ovvero con analisi dei risultati di output, dove il software aquisisce le azioni ottimali per il rangiungimento di output desiderati;
  • con apprendimento di rinforzo - il sistema viene premiato quando raggiunge gli obiettivi prefissati. In questo modo distingue quali sono le azioni corrette da quelle errate.

L'utilizzo di hardware a reti neurali può facilitare l'apprendimento, poichè non sfrutta un singolo modello matematico, ma permette una capacità computazionale più profonda e a più livelli contemporanei. L'utilizzo di sistemi computazionali di tipo quantistico potrebbe ulteriromente facilitare l'apprendimento e rendere più profondo il sistema di calcolo.

Un esempio già operativo di IA sono gli assistenti vocali virtuali (ad esempio: Google assistant, Siri, Cortana, Alexa) che usano la IA per il riconoscimento del linguaggio naturale e per l’apprendimento e l’analisi dei comportamenti degli utenti.

In campo bancario nel 1987 il primo utilizzo della IA avvenne quando la Security Pacific National Bank negli USA organizzò un sistema di prevenzione delle frodi legate all'utilizzo non autorizzato delle carte di credito.

Nel campo della computer vision già sono possibili delle applicazioni in grado di analizzare variazioni di albedo per prevedere eventi non ancora visibili; ad esempio puntando una telecamera verso un angolo di edificio, dall'analisi dell'albedo è possibile riscontrare le variazioni di una persona che si sta avvicinando all'angolo. Oppure analizzando le piccole vibrazioni delle foglie si possono ricostruire i suoni presenti; oppure è possibile sfruttare le immagini distorte provenienti da una apertura (principio della camera oscura) per ricostruire gli oggetti dall'altra parte della separazione.

L'attività di previsione dei comportamenti di acquisto può aiutare sia il marketing a progettare e ottimizzare gli interventi comunicativi, sia eventualmente a gestire direttamente le fasi di acquisto e produzione, partendo da una ipotesi di richiesta.
Nel campo robotico, la IA può automatizzare attività fisiche complesse con maggiore adattabilità e agilità, sfruttando il peculiare auto-apprendimento e quindi permettendo una maggiore flessibilità di produzione.

In campo medico i possibili sviluppi della IA porebbero essere:

  • Interpretazione delle immagini mediche
  • Analisi del suono del cuore
  • Diagnosi del cancro
  • Creazione di medicine
  • Robot da accompagnamento per gli anziani.

Secondo uno studio del McKingsey Global Institute si prevede che per il 2030 più della metà delle grandi aziende faranno largo uso della IA.

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Settembre 2018 16:47
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login